Itinerari a piedi su antichi sentieri


Un’alternativa alla via Francigena: Lunigiana e Garfagnana

Visto l’interesse suscitato fra i nostri lettori dagli itinerari sulla “Via del Volto Santo” pubblichiamo una scaletta riassuntiva dei 10 bellissimi percorsi proposti da Oreste Verrini:

Sentiero del Volto Santo (clicca sull'immagine per ingrandire)

Sentiero del Volto Santo

“Dieci tappe che uniranno Pontremoli a Lucca ripercorrendo l’antica via del Volto Santo, una variante della via Francigena, utilizzata nel passato per sfuggire le zone malariche della costa e per rendere omaggio alla statua lignea del Volto Santo. Dieci tappe che ci porteranno ad attraversare la Lunigiana prima e la Garfagnana poi, passando per antiche mulattiere, borghi perfettamente conservati in una terra ricca di storia e di tradizioni.”

Tappa 1   Pontremoli – Lusignana: Km 18 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 7 h

Tappa 2   Lusignana – Bagnone: Km 14 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 7 h

Tappa 3   Bagnone – Monti: Km 22 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 8 h

Tappa 4   Monti – Fivizzano: Km 17 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 6 h

Tappa 5   Fivizzano – Argegna: Km 26 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 8 h

Tappa 6   Argegna – Piazza Al Serchio: Km 11 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 5 h

Tappa 7   P.za Al Serchio – Castelnuovo Garf.: Km 21- Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 8 h

Tappa 8   Castelnuovo Garfagnana – Barga: Km 27 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 9 h

Tappa 9   Barga – Borgo a Mozzano: Km 21 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 8 h

Tappa 10 Borgo a Mozzano – Lucca: Km 28 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 9 h

Pubblicato in borghi e castelli, Discover Tuscany, itinerari a piedi, Itinerari e paesaggi dellaToscana, Itinerari e paesaggi di Toscana - itineraries and landscapes of Tuscany, Itineraries in Tuscany, Paesaggi toscani, Senza categoria | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Galleria foto: case coloniche delle colline Toscane


 

Giochi di aereazione con laterizzi

Giochi di aereazione con laterizzi

Panzano, colonica con porticato, loggiato e colombaia

Panzano, colonica con porticato, loggiato e colombaia

Vai alla galleria immagini

Pubblicato in Arte e architettura, Discover Tuscany, Immagini di Toscana, Paesaggi toscani | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Tivoli: un parco giochi nella Firenze capitale


Tre articoli sul parco divertimenti della Firenze di fine Ottocento

Ingresso del Parco sul Viale dei Colli

Ingresso del Parco sul Viale dei Colli

“Un parco divertimenti sul viale dei Colli. Con tanto di giostre, salone da concerti, caffè chantant, bazar all’orientale, teatro, fabbrica per la birreria e trattoria, tiro al bersaglio cosiddetto “alla Flobert” e non ultimo un gazometro per l’illuminazione dello stabilimento”.  Continua

 

“Nell’idea originaria che risale all’Ottocento, doveva essere un parco divertimenti sulla passeggiata dei Colli, con tanto di giostre, salone da concerti e caffè. Così Firenze Capitale non avrebbe avuto niente da invidiare alle altre città europee come Parigi o Copenaghen. Rimase però aperto solo due anni. Oggi parte del giardino ex Tivoli è stato riqualificato dopo i lavori decisi dal Comune”. Continua

Viale dei Colli- Parco Tivoli

Viale dei Colli- Parco Tivoli

(ANSA) – FIRENZE, 20 FEB – ‘Rivive’ in foto il parco divertimenti di Firenze Capitale, il Giardino di Tivoli realizzato nel 1869 sul viale de’ Colli, fra Porta Romana e piazzale Galileo, in attività per pochi anni e di cui oggi è rimasta solo una strada che porta il suo nome.  Continua 

 

 

 

 

 

Articoli correlati su tuttatoscana;

Al tempo di Firenze capitale

Firenze capitale nei pittori del tempo

Firenze ai tempi del Granduca in una Guida del 1841

Foto e disegni ai tempi di Firenze capitale

Fatti e Fattacci al tempo di Firenze capitale (1865-1870)

Pubblicato in Discover Florence, Firenze curiosità, Immagini di Firenze, Immagini di Firenze capitale | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Nella val di Merse: la pieve a Ponte allo Spino


 

Pieve a Ponte allo Spino immagine complessiva nella piana alluvionale

Pieve a Ponte allo Spino immagine complessiva nella piana alluvionale

Siamo a pochi chilometri da Siena e a un chilometro da Sovicille, un antico agglomerato sorto sulla collina attorno al suo castello più volte bruciato e saccheggiato nel corso delle lotte con i Fiorentini, nel cui piano sottostante, la valle alluvionale creata dal torrente Spino, scorrono le acque dei fossi, dei righi, dei torrenti e dei fiumi, quali il Merse, di cui molte acque del piano sono tributarie. Ci delucida con la precisione di sempre il Repetti nel suo “Dizionario” e alla voce Sovicille scrive: …Continua

Articoli correlati: 

Nella val di Merse: San Lorenzo a Merse

Nella val di Merse: Ponte a Macereto e Tocchi

Nella val di Merse: la pieve a Ponte allo Spino

Nella val di Merse: il chiostro di Santa Mustiola a Torri

Pubblicato in Chiese romaniche e castelli, Discover Tuscany, Pievi romaniche in Toscana, Senza categoria, Turismo in toscana, itinerari da scoprire | Contrassegnato , | Lascia un commento

Garfagnana a piedi: Borgo a Mozzano – Lucca


di Oreste Verrini

Tappa 10 Borgo a Mozzano – Lucca: Km 28 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 9 h

La partenza da Borgo a Mozzano ha un sapore particolare; siamo all’ultimo giorno di cammino e due sentimenti contrastanti si accavallano: il rammarico di essere al termine di un viaggio che ci ha permesso di riscoprire, e talvolta scoprire, tante cose belle e meritevoli di due zone, Lunigiana e Garfagnana, che seppur vissute quotidianamente sono state in grado di sorprenderci continuamente e dall’altro una certa frenesia di arrivare con la quale ci siamo svegliati e che ci spinge ad affrettarci così da poter dire “abbiamo concluso il cammino”.

Chiesa romanica di San Donato

Chiesa romanica di San Donato

Alla fine, tra i due forse è proprio quest’ultimo sentimento a prevalere, consapevoli che le cose belle scoperte rimarranno ed anzi, impegnandoci a farle conoscere e a valorizzarle, riusciremmo forse, a renderle migliori. Lasciamo di buon mattino il convento di San Francesco di Borgo a Mozzano che ci ha ospitato per la notte. Direzione Museo Civico, detto “Antiquarium”; qui potremmo osservare alcuni resti della civiltà ligure ed etrusca rinvenuti in molte grotte o cavità scoperte e investigate nelle vicinanze. Il museo si cura anche, assieme ad altre associazioni, del mantenimento delle fortificazioni della Linea Gotica, resti di una periodo, quello degli ultimi anni della seconda guerra mondiale che ha condizionato pesantemente la vita di questi territori. …Continua

Pubblicato in borghi e castelli, Itinerari e paesaggi dellaToscana, Itinerari e paesaggi di Toscana - itineraries and landscapes of Tuscany, Turismo in toscana, itinerari da scoprire | Contrassegnato , | Lascia un commento

Microstoria in cucina: la ribollita


Buona anche d’estate?

Pane toscano

Pane toscano

Cosa dire di nuovo di un piatto conosciuto e usato in tutte le tavole della Toscana nonostante le sue origini fiorentine?

Qualcosa l’ho scoperto per caso quando in alcune trattorie l’ho visto servire anche d’estate.

Rivista e rivisitata, la ribollita, piatto poverissimo, ha saputo adattarsi nel tempo perdendo anche la sua caratteristica stagionale?

Ma procediamo con ordine.

Le storie ci raccontano e ci tramandano un’origine medievale.

I piatti e le posate individuali si sa non trovarono posto sulle tavole prima del Rinascimento; in precedenza era uso consumare servendosi, da taglieri e piatti comuni, con le mani e ancora prima utilizzando piatti fatti di farina e acqua: farinate cotte e schiacciate erano il piatto dei signori dei castelli medievali anche se la storia ci tramanda che questa usanza era antichissima tanto che Virgilio nell’Eneide racconta che: …Continua

Pubblicato in Piatti della tradizione Toscana, ricette toscane, Tradizioni popolari, antichi mangiari, Tradizioni popolari, storie di piatti e di cucina | Contrassegnato , | Lascia un commento

Lo sviluppo urbanistico di Firenze in sette mappe


Lo sviluppo del centro abitato di Firenze dall’epoca romana al XX secolo

Pianta di Firenze I-III secolo

Pianta di Firenze I-III secolo

Pianta di Firenze VI-X secolo

Pianta di Firenze VI-X secolo

Pianta di Firenze XI-XII secolo

Pianta di Firenze XI-XII secolo

Pianta di Firenze XII-XVIII secolo

Pianta di Firenze XII-XVIII secolo

Pianta di Firenze nel 1835

Pianta di Firenze nel 1835

Pianta di firenze - Map of Florence 1864

Pianta di Firenze – Map of Florence 1864

Mappa di Firenze nel 1906

Mappa di Firenze nel 1906

Articoli correlati:

Firenze nelle antiche mappe

La fondazione di Firenze secondo Robert Davidsohn

Firenze in una guida Pineider del 1906

Firenze capitale

Pubblicato in Discover Florence, History and micro-history of Folrence | Contrassegnato , | Lascia un commento

Sentieri di Garfagnana: da Barga a Borgo a Mozzano


di Oreste Verrini

Tappa 9   Barga – Borgo a Mozzano: Km 21 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 8 h

“(…) il suon dell’ore viene col vento dal non veduto borgo montano (…)” nelle parole riprese dalle poesia L’ora di Barga il poeta Giovanni Pascoli racconta di come il suono del campanile del borgo lo raggiungesse nel suo giardino di Castelvecchio Pascoli come da un luogo lontano e misterioso.

Barga, Duomo

Barga, Duomo

E Barga in effetti racchiude molti ed interessanti misteri che rendono una passeggiata tra i suoi saliscendi e i suoi angoli, come quello dove il Teatro dei Differenti troneggia sulla stradina, ancor più interessante e ricca di aspettative.

Saliamo al Duomo di San Cristoforo da dove si gode di una vista che spazia su tutto il borgo e dove ci imbattiamo subito in una scritta misteriosa …Continua

Pubblicato in Antichi borghi, Discover Tuscany, Itinerari e paesaggi dellaToscana, Itinerari e paesaggi di Toscana - itineraries and landscapes of Tuscany, Paesaggi toscani | Contrassegnato , | Lascia un commento

Nella val di Merse: Ponte a Macereto e Tocchi


Castello di Tocchi la porta d'ingresso

Castello di Tocchi la porta d’ingresso

Siamo nella bassa valle del Merse a pochi chilometri da Siena tra colline di sughere, lecci, castagni e querce cui fa da sfondo il cocuzzolo del Monte Amiata dentro la vasta area della Riserva naturale detta del Basso Merse e Tocchi.

Trovasi sullo sprone settentrionale del monte delle Serre di Petriolo che scende per Tocchi al ponte di Macereto, sulla destra del Merse, e sulla sinistra della strada regia che dal ponte a Macereto si dirige a Grosseto. …Continua

Pubblicato in borghi e castelli, Discover Tuscany, Immagini di Toscana, Turismo in toscana, itinerari da scoprire | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

In giro per Boboli nel 1757


Dalla descrizione di Gaetano Cambiagi* nel 1757

illustrata con immagini attuali

Entrati per tanto dalla Porta, che resta tra il Palazzo, e lo stanzone già detto delle legna, sopra la quale principia il corridore, che da questo Palazzo partendosi conduce per la lunghezza di circa mezzo miglio all’altro detto già della Signoria, in oggi Palazzo Vecchio, si ritrova uno spazioso Prato, circondato a man dritta da una parte di salvatico**, e da sinistra, e nella testata da una muraglia con spalliere di Aranci, al principio della quale è posta una Statua di marmo sedente sopra una testuggine, dalla cui bocca scaturisce una fontana d’acqua, la quale statua fu fatta da Valerio Cioli di Settignano, rappresentante un Nano della Corte di Cosimo I nominato Pietro Barbino,

Giardino di Boboli la statua del "bacchino"

Giardino di Boboli la statua del “bacchino”

che per la sua ridicolosa persona, cioè basso di statura, e altrettanto grosso, e panciuto fu dal medesimo Gran Duca a tal’effetto fatto scolpire, e al dire del Vasari era un nano ingegnoso, letterato e molto gentile; dal volgo però detta Statua è nominata Bacco, e la sopradetta Porta la Porta di Bacco, non perché questa lo rappresenti, ma per esser così panciuta l’hanno così chiamata, e la chiamano di presente. …Continua

Pubblicato in Discover Florence, Giardini di Firenze e della Toscana, History and micro-history of Folrence, Immagini di Firenze | Contrassegnato , | Lascia un commento

Sui sentieri della Garfagnana – tappa 8: Castelnuovo di Garfagnana – Barga


di Oreste Verrini

 Tappa 8   Castelnuovo Garfagnana – Barga: Km 27 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 9 h

Piazza Umberto I, ancor più di Piazza delle Erbe, è il vero centro di Castelnuovo di Garfagnana. I bar che si affacciano su di essa, via Garibaldi, detta anche Via del Crocifisso, completamente lastricata, la Rocca Ariostesca che vigila sull’accesso al centro storico, creano un quadro che difficilmente si potrà dimenticare. Peccato per il passaggio delle autovetture, con un po’ di coraggio il traffico potrebbe essere limitato oppure eliminato rendendo il quadro ancor più bello.

Votivo di Castevebere

Votivo di Castevenere

Fin dalla sua costituzione la città ha svolto un ruolo di primo piano per l’intera vallata e ancora oggi, per molti, Castelnuovo continua ad essere un importante punto di riferimento.

Visitiamo il museo archeologico del territorio all’interno della Rocca Ariostesca e, tra i reperti qui custoditi, fanno bella mostra di se i “Votivi” di Castelvenere, delle sculture in bronzo di epoca etrusca che ci riportano a quel periodo e ci raccontano, immancabilmente, di viaggi e spostamenti che le popolazioni etrusche erano solite fare. I votivi non sono altro che dei segni di devozione che gli abitanti etruschi erano soliti offrire alle “acque sacre” che proprio dalla buca di Castelvenere sgorgavano. Questi individui arrivavano non solo dalla Media Valle ma anche dagli itinerari che raggiungevano la Garfagnana e da qui la Pianura Padana. …Continua

Pubblicato in Antichi borghi, itinerari a piedi, Itinerari e paesaggi di Toscana - itineraries and landscapes of Tuscany, Itineraries in Tuscany, Turismo in toscana, itinerari da scoprire | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

I top ten del mese


tuttatoscana

 

I 10 articoli più letti nel mese di luglio

 

Piatti tipici toscani
La Via del Volto Santo – A piedi in Lunigiana e Garfagnana
 Le donne fiorentine del Trecento
La “risciacquatura dei panni in Arno”: Manzoni a Firenze nell’estate del 1827
Antichi sentieri tra Lunigiana e Garfagnana: Argegna – Piazza al Serchio
Antichi sentieri di Garfagnana, tappa 7: Piazza al Serchio – Castelnuovo Garfagnana
Le strade dell’Etruria romana: La via Ariminensis
Boboli com’era (Prima Parte)
Microstoria in cucina: i pici e l’aglione
Microstoria in cucina: i petonciani dell’Artusi
Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , | Lascia un commento

Nella val di Merse: San Lorenzo a Merse


Iniziamo da questa località un viaggio “a puntate” dentro l’amena e ridente valle del Merse.

San Lorenzo a Merse, panorama con la torre campanaria della Pieve

San Lorenzo a Merse, panorama con la torre campanaria della Pieve

Il fiume Merse, detto affettuosamente “la Merse” dagli abitanti del luogo, scorre per circa settanta chilometri compiendo un lungo arco dalle Colline Metallifere tra Poggio Croce di Prata e Poggio di Montieri dove nasce, per poi ripiegare e ridiscendere verso l’Ombrone diventandone tributario nei pressi di Bagni di Petriolo. La sua lunga valle è ricca di natura e di storia, costellata di pievi, abbazie, castelli. …Continua

Pubblicato in Antichi borghi, Discover Tuscany, Itinerari e paesaggi di Toscana - itineraries and landscapes of Tuscany, Paesaggi toscani | Contrassegnato , | Lascia un commento

Boboli com’era (Seconda Parte)


Il grande ampliamento verso Porta Romana: tra storia e curiosità

di Salvina Pizzuoli

Il giardino di Boboli in una pianta del XVIII secolo

Il giardino di Boboli in una pianta del XVIII secolo

Al primo impianto su progetto del Tribolo seguiranno le sistemazioni seicentesche a partire dal 1612 e il grande ampliamento verso Porta Romana, avvenuto sotto Cosimo II in base al progetto di Giulio e Alfonso Parigi: lo caratterizzano la creazione dei labirinti, di forma ellissoidale, circolare e ottagonale lungo i lati del grande viale dei cipressi, il Viottolone, che conduceva al bacino dell’Isola, attorno al quale correvano grandi ragnaie e cerchiate, ottenute con intrecci di rami di leccio chiusi ad arco e sistemate lungo corsi d’acqua, anche artificiali come nel caso della “Fontana dei Mostaccini”, per attrarre la fauna volatile; quindi l’Isola medesima concepita in un primo momento come giardino di fiori e agrumi. …Continua

Pubblicato in Discover Florence, Giardini di Firenze e della Toscana, History and micro-history of Folrence, Immagini di Firenze, Storia e microstoria | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Microstoria in cucina: i pici e l’aglione


Ovvero un binomio ben riuscito

Fiore di allium ampeloprasum

Fiore di allium ampeloprasum

Mai assaggiato i pici all’aglione?

Un piatto semplice e prelibato, come tutta la cucina toscana.

Ma vediamoli uno per uno questi ingredienti portentosi.

I pici o come preferisce indicarli Petroni, gli spaghetti toscani, detti anche “pinci” a Montalcino, oppure “picciarelli” a Sorano in Maremma, sono un tipo di pasta fresca tipica della zona a sud di Siena.

Il nome pare derivi proprio dal tipo d’impasto, di farina e acqua, appiccicandole  o “impiciandole” cioè unendole insieme e lavorandolo con le mani. Dall’impasto ottenuto si tagliano …Continua

Pubblicato in Piatti della tradizione Toscana, ricette toscane, Storia e microstoria, Tradizioni popolari, antichi mangiari | Contrassegnato , | Lascia un commento

Antichi sentieri di Garfagnana, tappa 7: Piazza al Serchio – Castelnuovo Garfagnana


La Via del Volto Santo – A piedi in Lunigiana e Garfagnana

di Oreste Verrini

Tappa 7   P.za Al Serchio – Castelnuovo Garf.: Km 21- Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 8 h

Piazza al Serchio

Piazza al Serchio

Lasciamo Piazza al Serchio di buon mattino; la giornata è buona, il tempo continua a riservarci un occhio di riguardo; questo ci permette di assaporare maggiormente il cammino godendoci il sole che, seppur non caldissimo, scalda i nostri corpi e fa sorridere la nostra mente. Durante la costruzione della tappa alcune persone contattate ci avevano suggerito di passare dalla località di Borsigliana, piccola frazione del comune di Piazza al Serchio. Troppo fuori rotta da quella che avevamo individuato come traccia principale abbiamo abbandonato l’idea di includerla nell’itinerario. Ciò non toglie che Borsigliana meriti di essere visitata visto che, nella chiesa dedicata a Santa Maria Assunta si può …Continua

Pubblicato in borghi e castelli, Itinerari e paesaggi di Toscana - itineraries and landscapes of Tuscany | Contrassegnato , | Lascia un commento

Boboli com’era (Prima Parte)


L’Orto dei Pitti: tra storia e curiosità (Prima Parte)

di Salvina Pizzuoli

Palazzo Pitti e l'orto dei Pitti nella Pianta della catena del XV secolo

Palazzo Pitti e l’orto dei Pitti nella Pianta della catena del XV secolo

Raccontare il giardino di Boboli è un’impresa e non solo perché si estende per circa 45.000 mq o perché è opulento di opere vegetative e arboree e di statue, grotte, fontane, fortilizi ed ha per confini antiche strutture murarie o perché ha subito nel tempo molte variazioni rispetto all’impianto originario, ma perché è difficile raccontare l’emozione di trascorrere un luogo con tanta storia dentro, con scorci e vedute della città che lo cinge e lo racchiude, paesaggio nel paesaggio. Per visitarlo …Continua

Pubblicato in Alberi monumentali e giardini storici in Toscana, History and micro-history of Folrence, Storia e microstoria | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Piatti tipici toscani


Clicca qui per altri piatti e relative ricette

tortino di melanzane

I petonciani dell’Artusi

La panzanella

La panzanella

Il cibreo

Il cibreo

La pappa col pomodoro

La pappa col pomodoro

 

 

 

 

 

 

Clicca qui per altri piatti e relative ricette

 

Pubblicato in Piatti della tradizione Toscana, ricette toscane, Senza categoria, Tradizioni popolari, antichi mangiari, Tradizioni popolari, storie di piatti e di cucina | Contrassegnato , | Lascia un commento

Le strade dell’Etruria romana: La via Ariminensis


di Alessandro Ferrini

Da Arretium ad Ariminum

Un tempo importante strada consolare romana, oggi un ameno percorso su reti provinciali attraverso l’Appennino, fino a Rimini.

Percorso della via Ariminensis

Percorso della via Ariminensis

La via Ariminensis fu fatta costruire per scopi militari da Marco Livio Salinatore verso la fine del III secolo a.C. sul tracciato di un antichissimo percorso che collegava l’Etruria alla Val Padana (da qui transitarono più volte i Galli nelle loro scorribande verso Roma), fu poi declassata a strada vicinalis in epoca imperiale; univa il municipio di Arezzo, importante caposaldo a difesa dei confini settentrionali, con i porti dell’Adriatico.  …Continua

Pubblicato in History micro-history of Tuscany, Itinerari e paesaggi di Toscana - itineraries and landscapes of Tuscany, Storia e microstoria, Toscana etrusca e romana | Contrassegnato , | Lascia un commento

Antichi sentieri tra Lunigiana e Garfagnana: Argegna – Piazza al Serchio


La via del Volto Santo: a piedi in Lunigiana e Garfagnana

di Oreste Verrini

Tappa 6   Argegna – Piazza Al Serchio: Km 11 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 5 h

Partiamo dall’Argegna in una mattina soleggiata per quella che risulterà essere la tappa più corta di tutto il cammino. Avremo più tempo per rilassarci e godere delle sorprese che la giornata sicuramente ci riserverà. Ben presto ci troviamo nell’abitato di Giuncugnano, comune più alto della Garfagnana, le cui origini, incerte, si perdono nei silenzi e nei vuoti documentari dell’anno mille. Probabile che la sua fondazione, opzione comune a molti borghi della Garfagnana, sia di origine romana anche se questi luoghi furono abitati per centinaia di anni dalle tribù dei Liguri Apuani i quali, da queste altitudini, contrastarono fino alla definitiva esportazione di massa l’avanzata romana.

Procediamo su una bella mulattiera che ci porta in breve alla chiesa di S.Antonino. Dalla

Sant'Antonino

Sant’Antonino

sua posizione ancora oggi sorveglia le strade che attraversano questa zona. Su tutte la strada statale che congiunge Aulla (Massa Carrara) a Lucca. Chiesa del 1300 conserva al suo interno, seppur di origine recente, una statua del Volto Santo. …Continua

Pubblicato in Antichi borghi, itinerari a piedi, Itinerari e paesaggi dellaToscana, Itinerari e paesaggi di Toscana - itineraries and landscapes of Tuscany, Itineraries in Tuscany | Contrassegnato , , , | 1 commento

Microstoria in cucina: il timo


ovvero le erbe aromatiche della cucina toscana

Comprimari assoluti dei piatti toscani sono gli aromi delle piante officinali, rosmarino, timo e alloro in particolare, che sono presenti pressoché ovunque” anche nei piatti di mare che Laura Rangoni presenta nel suo ricettario sulla cucina toscana dedicata al pesce. timo

Oltre ad essere un’erba aromatica tra le più note e adoperate nella cucina toscana, il timo comune, chiamato pepolino, è una pianta dalle origini antiche tanto che la sua storia si accompagna ad una leggenda che lo vuole nato dalle lacrime di Arianna abbandonata, mentre dormiva nell’isola di Nasso, da quel Teseo cui aveva fornito il famoso “filo” per uscire dal labirinto. Lacrime mitologiche come le piccole foglie di questo basso arbusto che cresce spontaneo nelle terre mediterranee e che porta nell’etimo del suo nome il profumo che lo caratterizza tanto da essere usato nell’antichità al posto dell’incenso, prima che quest’ultimo fosse scoperto. Alcuni infatti attribuiscono l’etimo del termine alla parola greca che significa fumare, affumicare proprio perché lo bruciavano come si fa per l’incenso. Altri invece dalla parola greca “coraggio” perché l’essenza aveva potere rinvigorente e tale fu concepita anche durante il medioevo e forse per questo motivo le dame ricamavano un’ape ronzante attorno ad un rametto di timo sulle fasce di cui facevano dono ai propri cavalieri durante i tornei. Ma la sua caratteristica prevalente è sempre stata legata all’aroma tanto che il miele dei fiori di timo era tenuto tra i più prelibati. …Continua

Pubblicato in Piatti della tradizione Toscana, Tradizioni popolari, antichi mangiari | Contrassegnato , | Lascia un commento

Lungo la via Francigena: Fivizzano – Argegna


La via del Volto Santo -Tappa 5   Fivizzano – Argegna: Km 26 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 8 h

di Oreste Verrini

ApuaneFivizzano sembra aver accusato il passare dei secoli e come una ricca e fascinosa nobildonna decaduta fatica a mantenere il tenore di vita perduto. Riesce però, come in un gesto oppure in un contegno degno della nobildonna, a ricordarti chi fosse quando inaspettatamente, mostra angoli quasi dimenticati o non facilmente accessibili. …Continua

Pubblicato in itinerari a piedi, Itinerari e paesaggi dellaToscana, Itinerari e paesaggi di Toscana - itineraries and landscapes of Tuscany, Turismo in toscana, itinerari da scoprire | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Da Firenze a Faenza: la via Faventina


Da Firenze a Faenza lungo un’antica via romana

di Alessandro Ferrini

Tracciato della via Faventina

Tracciato della via Faventina

Costruita lungo un antico percorso etrusco – secondo alcuni nel 150 a.C. secondo altri dopo la fondazione di Firenze nel 59 a.C. – è registrata nell’Itinerarium Antonini (una sorta di stradario della viabilità romana che riporta le distanze in m.p. fra le varie località, risalente al periodo di Diocleziano, nel III secolo d.C.) nel percorso “via a Faventia – Lucam”. Era considerata far parte del sistema viario militare che da Firenze giungeva fino a Lucca e poi a Luni: una sorta di strada dei due mari che univa Adriatico e Tirreno. L’Itinerarium fa partire la strada consolare da Faenza e quindi anche il computo delle distanze (come appare dalla fig.1), noi invece ricostruiamo il percorso partendo da Firenze, da Porta contra Aquilonem, quella a nord, situata più o meno fra piazza San Giovanni e via de’ Cerretani, passava per Borgo san Lorenzo e via san Gallo fino a incrociare l’odierna via Faentina sul torrente Mugnone. …Continua

Pubblicato in Itinerari e paesaggi di Toscana - itineraries and landscapes of Tuscany, Toscana etrusca e romana | Contrassegnato , | Lascia un commento

La via del Volto Santo – tappa 4: Monti – Fivizzano


di Oreste Verrini

Tappa 4   Monti – Fivizzano: Km 17 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 6 h

Partire presto così da avere più tempo a disposizione per apprezzare quanto di bello incontrerò oggi. Con questa idea mi metto in cammino da Monti, che ieri sera al mio arrivo mi ha accolto e coccolato in attesa del saluto di questa mattina.

La pieve di Venelia

La pieve di Venelia

Anticamente qui si trovava la pieve di Santa Maria di Venelia che sorse sulle rovine di un antico tempio del pagus romano. Dell’antica pieve oggi non rimane quasi nulla e solo guardando attentamente si può notare, nella nuova costruzione, l’abside originario che occupa il lato di uno dei muri del nuovo perimetro. Nel ventesimo secolo furono trovate nelle vicinanze dell’abitato tre Statue Stele; le tre statue, nominate Venelia I, Venelia II e Venelia III, conservate le prime due nel Museo delle Statue Stele ospitato nel Castello del Piagnaro di Pontremoli e la terza nel centro restauro della Sovrintendenza di Firenze, appartengono al così detto Gruppo B (fra il 3400 AC e il 2300 AC) dove le sculture raggiunsero un maggior grado di dettaglio ricercando una maggiore rassomiglianza con la forma umana. …Continua

Vai alla pagina principale

Pubblicato in itinerari a piedi, Itinerari e paesaggi dellaToscana, Itinerari e paesaggi di Toscana - itineraries and landscapes of Tuscany, Itineraries in Tuscany | Contrassegnato , | Lascia un commento

Microstoria in cucina: la nepitella


ovvero le erbe aromatiche più diffuse in Toscana

La Calamintha nepeta o nepitella viene chiama in Toscana anche nepetella, nipitella o niepeta.

nepitella1

Cresce spontanea in tutto il territorio italiano, nei prati, lungo i muri e sui terreni incolti. È una pianta perenne dall’aroma particolare. Il suo nome pare derivi dal latino nepa, scorpione, perché si credeva ne curasse il morso. Altri ne fanno derivare la denominazione dall’antica città etrusca di “Nepete” (attuale Nepi) o che fosse la pianta ad averle dato il nome perché particolarmente diffusa nel territorio e sicuramente utilizzata sia come pianta aromatica sia come pianta medicinale. In erboristeria infatti le si riconoscono virtù digestive, carminative, espettoranti oltre ad una riconosciuta azione eccitante. …Continua

Pubblicato in Tradizioni popolari, antichi mangiari, Tradizioni popolari, storie di piatti e di cucina | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Galleria foto Pievi di Toscana


la galleria di foto sarà aggiornata periodicamente

Cliccare sulla foto per aprire la pagina relativa con l’articolo e altre immagini

Diecimo, la faccaiata della pieve di Santa Maria

Diecimo, pieve di Santa Maria

Arezzo Santa Maria della Pieve, la facciata e il campanile

Arezzo Santa Maria della Pieve, la facciata e il campanile

Rincine La pieve di Sant'Elena

Rincine La pieve di Sant’Elena

Pieve di Santo Stefano a Sorano

Pieve di Santo Stefano a Sorano

Santa Maria a Fagna

Santa Maria a Fagna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pieve di San Cresci, la facciata

Pieve di San Cresci, la facciata

 

 

 

 

Cetica, San Michele Arcangelo, la facciata

Cetica, San Michele Arcangelo, la facciata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Visualizza tutte le altre foto della galleria

Pubblicato in Chiese romaniche e castelli | Contrassegnato | Lascia un commento

Prosa e poesia


su “Prosa e poesia”:alibrandi

 

Daniela Alibrandi, Una morte sola non basta, Del Vecchio Editore, euro 19,00

recensione di  Salvina Pizzuoli su “lettori e scrittori”

Un incontro casuale, due esistenze, due mondi, uno popolare e l’altro borghese, nella Roma dell’immediato dopoguerra, s’incrociano su di una panchina di spalle alla pineta del Forlanini, il sanatorio, fuori dal nosocomio dove una nuova vita ha visto la luce e un’altra che vi è appena entrata è già segnata dal dolore e dall’assenza degli affetti fondanti; …Continua

 

 

Pubblicato in Letture e libri consigliati | Contrassegnato | Lascia un commento

La via del Volto Santo – tappa 3: Bagnone – Monti


di Oreste Verrini

Tappa 3   Bagnone – Monti: Km 22 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 8 h

Bagnone, il ponte sul torrente

Bagnone, il ponte sul torrente

La partenza da Bagnone è forse una delle più belle di tutto il cammino, non perché siamo felici di andarcene o perché la cittadina non meriti di essere visitata con la giusta calma e attenzione, ma perché la parte del borgo che attraverseremo e la salita al castello sono talmente affascinanti ed interessanti che difficilmente potremmo dimenticarli. Scendiamo sotto strada in una zona molto antica di Bagnone, quella che in passato era la porta di accesso al castello. Sul ponte che attraversa il torrente omonimo merita fermarsi per ammirare questo scorcio: difficile non rimanere per qualche secondo in muta ammirazione del paesaggio davanti ai nostri occhi. Le acque sotto di noi spumeggiano impetuose sia a monte che a valle mentre la piazzetta in cui accediamo dopo averlo attraversato, racconta di artigiani che esponevano la loro merce sperando di attrarre mercanti, viandanti e nobili che salivano o scendevano dal castello. …Continua

Vai alla pagina principale

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , | Lascia un commento

Santa Maria della Pieve ad Arezzo


Arezzo, una tra le dodici città originarie dell’antica Etruria […] Non molto lontana dalle

Arezzo Santa Maria della Pieve, la facciata particolare della lunetta e dell'archivolto con i mesi

Arezzo Santa Maria della Pieve, la facciata particolare della lunetta e dell’archivolto con i mesi

colline deliziose che le fanno corona a Levante, e che per continuata catena si stendono ampiamente in giro fino alla foce di Ponente, sorge ella medesima placidamente all’incontro su di facile collinetta, donde a distanza di più miglia guarda il ridente prospetto di un’amena fertilissima pianura (in Giulio A. Angelucci “Memorie istoriche per servire di guida al forestiero in Arezzo” 1819)

Siamo ad Arezzo l’antica Arretium il cui etimo ha impegnato gli studiosi in ricerche che comunque non hanno documentate e certe origini. Fondata forse da popolazioni umbre poi divenuta Lucuminia importante, fu municipio romano quando, grazie alla Cassia Vetus, ebbe un ruolo chiave come stazione di mansiones e mutationes (stazione di posta) tra Cortona e l’area fiorentina, e lungo la Ariminensis in direzione di Rimini e Ravenna, porte dell’Adriatico verso l’importante scalo di Spina. …Continua

Pubblicato in Chiese romaniche e castelli, Discover Tuscany, Itinerari e paesaggi di Toscana - itineraries and landscapes of Tuscany, Pievi romaniche in Toscana | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Microstoria in cucina: i petonciani dell’Artusi


ovvero la cucina della melanzana in Toscana  melanzana

La melanzana è oggi un ortaggio diffuso a nord come a sud della penisola e gradito a molti palati, ma non è sempre stato così: la sua storia passata lo collocava tra  gli erbaggi ordinari dal gusto insipido o tra le vivande addirittura malsane e velenose.

Ma procediamo in ordine cronologico.

Pianta delle solanacee, come il pomodoro, originaria dell’India orientale, fu diffusa nell’area mediterranea dagli Arabi e nota in Italia già alla fine del XIII secolo e la cui coltivazione, nel secolo successivo, era ormai diffusa. Nel tardo medioevo era  utilizzata tra gli ebrei della penisola iberica, …Continua

Articoli correlati: Microstoria in cucina: l’acquacotta        La farina neccia e la Toscana dell’Appennino        Microstoria in cucina: osterie, strade, antichi mangiari a Firenze nel  XV secolo – Prima parte        Microstoria in cucina: osterie, strade, antichi mangiari a Firenze nel XV secolo – Seconda parte        Microstoria in cucina: il pane toscano e la pappa al pomodoro        Microstoria in cucina: la panzanella toscana        Microstoria in cucina: il pane toscano e la pappa al pomodoro        Il cibreo, un piatto quasi dimenticato

Pubblicato in Piatti della tradizione Toscana, ricette toscane, Tradizioni popolari, antichi mangiari, Tradizioni popolari, storie di piatti e di cucina | Contrassegnato , | Lascia un commento

La via del Volto Santo tappa 2: Lusignana-Bagnone


di Oreste Verrini

LUSIGNANA – BAGNONE

Lusignana, portale del Seicento

Lusignana, portale del Seicento

Da Lusignana partono molti percorsi che in poche ore portano i più intraprendenti sull’Appennino tosco emiliano. Percorsi che ci raccontano una realtà diversa da quella che conosciamo; una realtà in cui la vita comunitaria si svolgeva prevalentemente in quota mentre le zone a valle venivano ignorate. Ben visibili i segni del passato fatto di terrazzamenti, per sottrarre la terra alla montagna e renderla coltivabile, di mulattiere, che guidavano il percorso di mercanti, soldati e viandanti, di angoli sperduti e poco accessibili dove si tenevano riti cultuali. …Continua

Pubblicato in History micro-history of Tuscany, itinerari a piedi, Itinerari e paesaggi di Toscana - itineraries and landscapes of Tuscany, Storia e microstoria | Contrassegnato | Lascia un commento

San Giovanni Maggiore a Panicaglia


San Giovanni Maggiore, la facciata

San Giovanni Maggiore, la facciata

“Sopra un’amena collinetta presso la strada provinciale Faentina, fra il Borgo, Scarperia e il castello di Pulicciano, quasi nell’ombelico del Mugello” scriveva il Repetti alla voce San Giovanni Maggiore. Il luogo è davvero gradevole alla vista, soprattutto oggi, con il verde lucente dei prati bagnati dalle recenti piogge. …Continua

Articoli correlati:  Tra le pievi romaniche in Mugello: Sant’Agata      La chiesa di Santa Maria e San Niccolò a Spugnole      Tra le pievi romaniche del Mugello: San Cresci in Valcava     Tra le pievi romaniche in Mugello: Santa Maria a Fagna    San Giovanni in Petrojo e Sant’Andrea a Camoggiano

Pubblicato in Itinerari e paesaggi di Toscana - itineraries and landscapes of Tuscany, Pievi romaniche in Toscana | Contrassegnato , | Lascia un commento

Il tratto toscano della via Aurelia


di Alessandro Ferrini

L’unica strada che ha mantenuto un tracciato pressoché uguale a quello originale è la via Tracciato della via AureliaAurelia, una via consolare costruita a iniziare dalla metà del III secolo a.C. dal console Gaio Aurelio Cotta per collegare Roma a Cerveteri; fu poi prolungata fino a raggiungere le nuove colonie militari di Cosa e Pyrgi (l’odierna Santa Severa) sul litorale tirrenico e in seguito alla definitiva sottomissione dell’Etruria giunse fino a Pisa e al suo importante porto, poi a Luni. Il tratto dalla stazione di posta di Vada Volterrana fino al confine ligure era anche chiamata Aemilia Scauri dal nome del console Emilio Scauro che provvide alla pavimentazione dell’antico tracciato nel 109 a.C.. Dopo Pisa l’antico tracciato, per evitare il tratto paludoso della costa versiliana, deviava verso Lucca,  passava per Forum Clodii e raggiungeva Luni. Nella metà del I° secolo a.C. il percorso fu abbreviato collegando direttamente Pisa a Luni. Nei secoli successivi fu allungata fino ai Pirenei divenendo la principale arteria di comunicazione costiera. …Continua

Vedi anche: Strade romane in Etruria

Pubblicato in History micro-history of Tuscany, Itinerari e paesaggi dellaToscana, Storia e microstoria, Toscana etrusca e romana | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

I top ten del mese


 

tuttatoscana

tuttatoscana

 

 

i 10 articoli più letti nel mese di maggio

Castel di Pietra e la leggenda della Pia
Microstoria in cucina: la panzanella toscana
La Via del Volto Santo – A piedi in Lunigiana e Garfagnana
Strade romane in Etruria
La “risciacquatura dei panni in Arno”: Manzoni a Firenze nell’estate del 1827
L’antico attracco e la Basilica di San Piero a Grado
La leggenda della Pia nelle ottave di due toscani dell’Ottocento
Microstoria in cucina: il cibreo, un piatto quasi dimenticato
Firenze antica nelle cartoline di Corinto Corinti – Epoca Romana
Castel Aghinolfi in Lunigiana

 

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , | Lascia un commento

Via del Volto Santo prima tappa: Terra di labirinti


di Oreste Verrini

Tappa 1 Pontremoli – Lusignana: Km 18 – Difficoltà: E – Tempo medio di percorrenza: 7 h

Pontremoli, Labirinto di San Pietro

Pontremoli, Labirinto di San Pietro

Pontremoli, “porta della Toscana” per Federico II, è la città che dà inizio al nostro cammino. Ricca di storia e di tradizioni da sempre protagonista della vita della Lunigiana, ci accoglie con i suoi angoli mozzafiato ed inaspettati. Merita prendersi del tempo per visitarla dedicandole qualche ora. Su tutto, il Castello del Piagnaro, dove ha sede il Museo delle Statue Stele, che dalla sua posizione domina tutta la città. La vista indimenticabile sul fiume Magra e sulla valle giustifica appieno la scarpinata che bisogna fare per raggiungerlo.

Qui dimorano, per il piacere dei visitatori, molte delle statue stele, pietre in arenaria dalla forma antropomorfa, eredità preistorica e protostorica ancora avvolta nel mistero, rinvenute in tutta la Lunigiana. …Continua

Pubblicato in Discover Tuscany, Itinerari e paesaggi di Toscana - itineraries and landscapes of Tuscany | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Prosa e Poesia


 

su “Prosa e poesia”:

Il mondo visto dai libri

Il mondo visto dai libri

Hans Tuzzi, Il mondo visto dai libri, Skira 2014

recensione di Salvina Pizzuoli

Pubblicato in Letture e libri consigliati, Senza categoria | Contrassegnato , | Lascia un commento

La Via del Volto Santo – A piedi in Lunigiana e Garfagnana


di Oreste Verrini

Dieci tappe che uniranno Pontremoli a Lucca ripercorrendo l’antica via del Volto Santo, una variante della via Francigena, utilizzata nel passato per sfuggire le zone malariche della costa e per rendere omaggio alla statua lignea del Volto Santo. Dieci tappe che ci porteranno ad attraversare la Lunigiana prima e la Garfagnana poi, passando per antiche mulattiere, borghi perfettamente conservati in una terra ricca di storia e di tradizioni.

INTRODUZIONE

“Sera, quasi notte. 

 È una sera di settembre, una di quelle sere nelle quali ti accorgi che l’estate è finita davvero. Non c’è nessuno per le strade, i bar sono semivuoti e non si sente quasi più il rumore degli insetti notturni. Ci troviamo a Bagnone; passeggiamo per le stradine che non abbiamo mai visto davvero, nonostante, si abiti abbastanza vicino. Il borgo è molto bello e visto a quell’ora lo è ancora di più. Il buio uniforma e nasconde bene alcune brutture che la luce metterebbe in evidenza.

Sentiero del Volto Santo (clicca sull'immagine per ingrandire)

Sentiero del Volto Santo

Ad un certo punto, ai lati della strada, vediamo un cartello che riporta, sopra uno sfondo marrone: Via del Volto Santo.

La domanda arriva immediatamente – Che Via è? –  

Così è iniziata la nostra avventura …Continua

Pubblicato in Discover Tuscany, Itinerari e paesaggi dellaToscana, Paesaggi toscani | Contrassegnato , | Lascia un commento

Microstoria in cucina: la panzanella toscana


Tempo d’estate tempo di panzanella! Senza nome

“ Vieni amico. Che fai di là dagli Apennini? Non hai anche tu lavorato a bastanza per la tua sementa di làppole e pugnitopi? Vieni: la panzanella con le cipolline e il basilico è così buona la sera”. Così Giosuè Carducci rammenta questo piatto tipico contadino, nato nell’area fiorentina ma poi diffusosi in tutta la Toscana, soprattutto nel senese e nel livornese, e con molte varianti.

L’etimo, di origine incerta, da molti viene indicato come composto da pane e “zanella”, una piccola cesta, esteso poi a qualsiasi recipiente di forma concava. …Continua

Articoli correlati (con ricette di piatti toscani):

Il cibreo, un piatto quasi dimenticato

L’acquacotta

La farina neccia e la Toscana dell’Appennino

Osterie, strade, antichi mangiari a Firenze nel  XV secolo – Prima parte

Osterie, strade, antichi mangiari a Firenze nel XV secolo – Seconda parte

Il pane toscano e la pappa al pomodoro

Trippa e lampredotto

Pubblicato in ricette toscane, Storia e microstoria, Tradizioni popolari, antichi mangiari, Tradizioni popolari, storie di piatti e di cucina | Contrassegnato , | Lascia un commento

Castel Aghinolfi in Lunigiana


Montignoso, Castel Aghinolfi, tra la fitta coltre di verde

Montignoso, Castel Aghinolfi, tra la fitta coltre di verde

Siamo a Montignoso a pochi chilometri da Massa Carrara.

Già dalla strada che corre nella valle s’intuisce la struttura possente del mastio ottagonale della roccaforte più antica della Lunigiana che si erge a sentinella sul cocuzzolo più alto di un promontorio che si protende verso il mare, ma è poi da lassù che si comprende il valore strategico che ha determinato l’importanza nel tempo assunta dal castello proprio per la sua posizione: lo sguardo abbraccia tutta la fascia costiera dalle foci dell’Arno al golfo di La Spezia e, nelle giornate limpide, si spinge fino a Livorno e le Alpi Marittime e riesce a intravvedere la Corsica. …Continua

Articoli correlati:

In Lunigiana: il castello di Malgrate e il borgo di Filetto

In Lunigiana: la pieve di Santo Stefano e “Il guerriero” di Sorano

Ponzanello su Zonzolando

Pubblicato in borghi e castelli, Discover Tuscany, Immagini di Toscana, Itinerari e paesaggi dellaToscana, Itineraries in Tuscany | Contrassegnato , | 1 commento

La leggenda della Pia nelle ottave di due toscani dell’Ottocento


Bartolomeo Sestini e Giuseppe Moroni detto il Niccheri

Copertina del poemetto di Bartolomeo Sestini Pia de' Tolomei, Milano 1848

Copertina del poemetto di Bartolomeo Sestini Pia de’ Tolomei, Milano 1848

La memoria della Pia dei Tolomei, nata dalle terzine dantesche, la cui storia effettiva tanto aveva catturato l’interesse dei commentatori, non restò circoscritta ai versi nei quali il poeta l’aveva raffigurata e immortalata con pochissimi riferimenti, ma conobbe nelle epoche successive, come nella novella di Matteo Bandello ma soprattutto nell’Ottocento, un nuovo risveglio tanto che molte opere e figurative e poetiche e canore si dedicarono al soggetto con letture diverse rispetto a quella che Dante aveva lasciato incompiuta o comunque non esplicitata.

Nel 1822 Bartolomeo Sestini, patriota pistoiese, riprendeva il personaggio della Pia dedicandole un poemetto in ottave di tre canti complessivi. Più tardi , nel 1873, un poeta popolare fiorentino, Giuseppe Moroni detto il Niccheri …Continua

Articolo correlato: Castel di Pietra e la leggenda della Pia

Pubblicato in Toscana curiosità, Tradizioni popolari, aneddoti, aforismi, proverbi, modi di dire | Contrassegnato , | Lascia un commento