Signa in una litografia su disegno di Zocchi XVIII secolo

Fiume della Toscana, il maggiore, dopo il Tevere, dell’Italia peninsulare; nasce dalle pendici meridionali del monte Falterona a 1358 m s. m. (Capo d’Arno) ed attraversa le province di Arezzo, Firenze e Pisa. Fu un idronimo di origine prelatina, da una base *arna, ‘letto incavato del fiume’  o da una base *er– / *or ‘mettere in movimento, agitare’ e ha vari riscontri sia in Italia che in Francia e Svizzera: Auser, ad esempio, *aus-ar potrebbe condividere la stessa radice idronimica, *ar, presente in Arno  *arna ‘fiume dal letto incavato, grande corso d’acqua’ (non dimentichiamo che l’Auser è stato per millenni un affluente dell’Arno), ma preceduta da una specificazione contenente il significato di ‘sorgente’, ‘corso d’acqua impetuoso’ o simile, appunto *aus(a). Il nome Arnum è menzionato da Plinio (Nat. Hist.) Livio, Cassiodoro, ed anche dalla Tabula Peutingeriana (Arnum fl.) e dall’Anonimo Ravennate.

Articoli correlati:

La valle dell’Arno fra storia e geografia: da Firenze a Pisa

 La valle dell’Arno dalle origini al 1333

Empoli e l’Arno: dalle origini al 1333

Pisa e l’Arno: storia e geografia di un antico sistema portuale

Il castello di Malmantile e il porto fluviale di Brucianesi

La Lisca e l’osso di balena

Signa medievale: tre porti e un ponte

La navigazione fluviale nell’antica Toscana

Toponomastica toscana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.