I top ten del mese di marzo 2020

tuttatoscana

 

I 10 articoli più letti nel mese di marzo 2020

La torta co’ bischeri
Dolci tipici toscani, la loro storia e le loro ricette
La storia nei toponimi: tra Firenze e Sesto Fiorentino
Linea Gotica in Toscana: la battaglia del Giogo (settembre 1944)
La “risciacquatura dei panni in Arno”: Manzoni a Firenze nell’estate del 1827
Firenze in antiche mappe
L’abbazia di San Salvatore e la leggenda di re Rachis
Piatti tipici toscani, la loro storia e le loro ricette
A tavola con gli Etruschi: cosa mangiavano gli antenati di casa nostra
La società degli Etruschi

Borghi fortificati della bassa Val d’Ombrone

Il paesaggio da Montorsaio

La Maremma grossetana riserva oltre a scorci paesaggistici di suggestiva bellezza e, lungo la costa, mari incontaminati e grandi spiagge sabbiose e promontori che si ergono su un’acqua cristallina, strutture urbane con una storia antica, quella che precedette il dominio senese, quella gestita dalle famiglie comitali, forti e potenti, cui Siena strappò brano a brano il potere su terre e castelli.

Ed eccoci allora a percorrere in parte la valle di uno dei fiumi più lunghi di Toscana, una valle ubertosa, ricca di storia, che conserva antiche vestigia e borghi e opere d’arte e tesori paesaggistici: la valle dell’Ombrone senese e più precisamente i castelli o meglio i borghi murati e le rocche che ancora conservano intatta la loro struttura medievale.

Il castello di Batignano

Il castello di Campagnatico

Il castello di Civitella Marittima

Il castello di Montorsaio

Il castello di Roccastrada

 

 

Top ten del mese di febbraio

tuttatoscana

I dieci articoli più letti nel mese di febbraio 2020

Dolci tipici toscani, la loro storia e le loro ricette
La società degli Etruschi
Casentino, una valle etrusca?
Piatti tipici toscani, la loro storia e le loro ricette
La villa di Plinio il giovane in Etruria
Firenze in antiche mappe
La Via del Volto Santo – A piedi in Lunigiana e Garfagnana
Cinque leggende toscane
Il Sasso di San Zanobi e la sua leggenda
La “risciacquatura dei panni in Arno”: Manzoni a Firenze nell’estate del 1827

Scrittori toscani di oggi: Pina Bertoli uno stralcio da “Infondate ragioni per credere nell’amore”

Pina Bertoli, lucchese, in questo suo romanzo racconta, sullo sfondo delle vicende di Francesco e Maria, la Versilia e Lucca dagli anni ’50 fino ai ’90.

Leggi lo stralcio dalle pagine del romanzo

e anche:

A questo link il sito di Pina Bertoli

“Il mestiere di leggere”

dedicato ai libri, alla musica e all’arte.

A questo link la recensione su tuttatoscanalibri del romanzo da cui sono tratte le pagine presentate.

Scrittori toscani? Sì ancora… Renato Fucini tre bozzetti da “All’aria aperta”

Gentili lettori, continuiamo la nostra rassegna letteraria sugli autori toscani di ieri e di oggi o che scrivono o hanno ambientato le loro opere in Toscana, con tre bozzetti  di Renato Fucini da

“All’aria aperta”

più due poesie dalla raccolta “Ombre” Gente etrusca e Castelli in aria

 che si aggiungono a

“Il ciuco di Melesecche”

 

“Il rimedio pei topi” e   “Il Dodolo”  dalle “Novelle toscane” di Ferdinando Paolieri

e, per gli autori toscani contemporanei, al racconto di Alessandro Pagani “Breve racconto onirico”

 

e di Oreste Verrini con uno stralcio da “Madri”

 

 

 

 

e ancora:

sabato 8 febbraio per gli autori toscani contemporanei

uno stralcio dal romanzo di

Pina Bertoli Infondate ragioni di credere nell’amore

Non mancate e buona lettura a tutti !

Primo campionato del mondo di ciclismo

150 anni fa …

Mercoledì  2 febbraio 1870 si svolgeva il primo campionato del mondo di ciclissmo su strada su un tracciato di 25 km da Firenze a Pistoia.

Gli organizzatori della prima corsa ciclistica su strada

Vai al nostro articolo dedicato

Il primo campionato del mondo di ciclismo si svolse fra Firenze e Pistoia

Scrittori toscani di oggi: Oreste Verrini “Madri.Sulle orme del pittore Pietro da Talada lungo l’Appennino Tosco-Emiliano”

Oreste Verrini “Madri. Sulle orme del pittore Pietro da Talada lungo l’Appennino Tosco-Emiliano”.

Lunigianese, è docente universitario della Facoltà degli Studi di Pisa, vive nei luoghi che da anni ama narrare e valorizzare in storie di viaggio. In “Madri” racconta un percorso in solitaria attraversando borghi sperduti, Barsigliana, Busana, Talada, alla ricerca delle Madonne di un pittore quattrocentesco, le Madri appunto. Un viaggio vero che attraversa luoghi reali e dove non mancano gli incontri, a volte particolari e “strani”,  risultato anche dell’effetto straniamento che il camminare da soli crea, che sanno comunque catturare e alla fine lasciare sereni perché il camminare o il viaggio a piedi è una terapia che sa trasferirsi dal corpo all’anima.

Qui il link alla recensione  di Salvina Pizzuoli su tuttatoscanalibri.com

e qui il link al Sito dell’autore, Zonzolando,  dove potrete leggere altri racconti di viaggio a piedi

Scrittori toscani? Sì, ancora… Renato Fucini “Il ciuco di Melesecche”

Gentili lettori, continuiamo la nostra rassegna letteraria sugli autori toscani di ieri e di oggi o che scrivono o hanno ambientato le loro opere in Toscana, con la novella di Renato Fucini

“Il ciuco di Melesecche”

che si aggiunge a

“Il rimedio pei topi” e   “Il Dodolo”  dalle “Novelle toscane” di Ferdinando Paolieri

e, per gli autori toscani contemporanei, al racconto di Alessandro Pagani “Breve racconto onirico”

 

E ancora…

sabato 1 febbraio un nuovo autore contemporaneo:

Oreste Verrini con uno stralcio da “Madri”

 

 

 

Non mancate e buona lettura a tutti !

I top ten di gennaio 2020

tuttatoscana

I dieci articoli più letti nel mese di gennaio 2020

Dolci tipici toscani, la loro storia e le loro ricette
Civitella Marittima, capoluogo della corte degli Ardengheschi
La “risciacquatura dei panni in Arno”: Manzoni a Firenze nell’estate del 1827
Gli Etruschi e il vino
Firenze in antiche mappe
galleria immagini di Toscana
Piatti tipici toscani, la loro storia e le loro ricette
Cinque leggende toscane
Il Rinascimento fiorentino e l’era dei Medici dal mito alla realtà
Pisa e l’Arno: storia e geografia di un antico sistema portuale

Scrittori toscani di oggi: Alessandro Pagani “Breve racconto onirico” da “Io mi libro”

Gentili lettori, iniziamo la lettura delle pagine degli scrittori toscani di oggi con quelle di Alessandro Pagani tratte da “Io mi libro” pubblicato nel 2018.

 Breve racconto onirico 

dedicato al sogno, chiude la raccolta di freddure del volume.

Buona lettura a tutti!