I top ten di novembre


tuttatoscana

 

I 10 articoli più letti a novembre 2018

Dolci tipici toscani, la loro storia e le loro ricette
La torta co’ bischeri
Firenze in antiche mappe
La lingua degli Etruschi
Piatti tipici toscani, la loro storia e le loro ricette
L’abbazia di San Salvatore e la leggenda di re Rachis
Cinque leggende toscane
Il Sasso di San Zanobi e la sua leggenda
galleria foto di Toscana
Pisa e l’Arno: storia e geografia di un antico sistema portuale

I top ten del mese di ottobre


tuttatoscana

I 10 articoli più letti nel mese di ottobre 2018

Dolci tipici toscani, la loro storia e le loro ricette
Firenze in antiche mappe
Linea Gotica in Toscana: la battaglia del Giogo (settembre 1944)
Piatti tipici toscani, la loro storia e le loro ricette
Pisa e l’Arno: storia e geografia di un antico sistema portuale
galleria foto di Toscana
Microstoria in cucina: la nepitella
In Valdambra: il castello di Cennina
Strade romane in Etruria
Un itinerario a piedi illustrato: da Buonsollazzo a Monte Senario

I top ten del mese di settembre 2018


tuttatoscana

I 10 articoli più letti nel mese di settembre 2018

Dolci tipici toscani, la loro storia e le loro ricette
Pisa e l’Arno: storia e geografia di un antico sistema portuale
Piatti tipici toscani, la loro storia e le loro ricette
Microstoria in cucina: la nepitella
Firenze in antiche mappe
I mosaici romani di Luni
Galleria immagini: Castello di Porrona
I castelli di Casenovole e Monte Antico lungo la “Leopoldina”
galleria foto di Toscana
A Montevarchi: Villa Masini

I castelli di Casenovole e Monte Antico lungo la “Leopoldina”


Siamo in Maremma, la bella Maremma grossetana, alla scoperta dei paesaggi spettacolari che quest’angolo di Toscana sa regalare al visitatore. Stiamo percorrendo la vecchia via detta Leopoldina voluta da Pietro Leopoldo di Lorena (1765-1790) per favorire, tra le altre riforme attuate, una solida politica agraria, con la creazione di strade percorribili non solo a cavallo o a dorso di mulo, ma anche da carri.

Il paesaggio che scorre davanti agli occhi del viaggiatore non ha eguali per la dolcezza degli scorci tra campi coltivati, terre arate, allevamenti di bianche mucche maremmane e pecore e, nel fondo della valle, la candida striscia dell’Ombrone si affaccia a tratti e brilla sotto il sole. … continua a leggere  I castelli di Casenovole e Monte Antico lungo la “Leopoldina”

Firenze capitale: era settembre …


Firenze al tempo in cui era capitale

153 anni fa Firenze divenne capitale del Regno d’Italia (settembre 1865), l’avventura durò solo un quinquennio (settembre 1870) ma fu sufficiente a sconvolgere il territorio urbano e a suscitare la reazione ironica, irriverente e arguta dei cittadini di allora.

Questo ed altro negli articoli che seguono e nel volumetto Fatti e fattacci al tempo di Firenze capitale.

Era settembre

Firenze a settembre, corsi e ricorsi storici

Al tempo di Firenze capitale

Firenze capitale nei pittori del tempo

Firenze ai tempi del Granduca in una Guida del 1841

Foto e disegni ai tempi di Firenze capitale

Tivoli: un parco giochi nella Firenze capitale

Galleria foto: al tempo di Firenze capitale

Archeologia industriale in Toscana: il Gasometro di Firenze

Bellezza all’ “Acqua di rose” della Manetti e Roberts di Firenze

 La fonderia del Pignone nel periodo di Firenze capitale

 La manifattura Ginori al tempo di Firenze capitale

Il primo campionato del mondo di ciclismo si svolse fra Firenze e Pistoia

Paesaggi della Leopoldina da Fercole a Monte Antico


Percorriamo un breve incantevole tratto della strada detta Leopoldina, realizzata dal Granduca Leopoldo di Lorena.

Tracciato lungo la Via Leopoldina da Fercole a Monte Antico

Dall’abitato di Fercole, nei pressi di Casal di Pari, si imbocca la sp 140 Leopoldina in direzione Casenovole scendendo fino  al caseggiato rurale di Poggio La Pila per poi proseguire per 1,2 km tra cipressi, roverelle e lecci fino al suggestivo viale di cipressi che conduce al castello di Casenovole. Si continua attraverso un paesaggio che spazia sulle colline circostanti, con boschi e terreni coltivati, fino al crinale che sovrasta la vallata dell’Ombrone  in direzione di Monte Antico. Superato il castello la strada discende verso Monte antico scalo, lambisce la stazione ferroviaria e lungo la piana dell’Ombrone raggiunge Paganico. … vai alle foto del percorso

Articolo dedicato: I castelli di Casenovole e Monte Antico lungo la “Leopoldina”

 

Il Mugello


di Giovanni Caselli

Introduzione: Per un’indagine antropo-storico-archeologica

Pianta topografica della Provincia del Mugello

Noi e tutto ciò che ci circonda siamo effetti di cause passate. Se l’archeologia è la scienza del passato, la storia è l’arte di narrarlo: ambedue servono ad analizzare il presente, e noi stessi. Le nozioni di reperto archeologico e di documento storico cambiano nel tempo, esse sono sempre soggettive e temporanee.

L’archeologia e la storiografia forniscono elementi oggettivi alla storia, ma non forniscono tutti gli elementi necessari a rendere la storia oggettiva.

La storia non è quindi lo specchio del passato ma il riflesso di chi scrive, della sua ideologia, della sua epoca e della moda letteraria della storiografia del momento. Perciò tutta la storia, anche quella del Mugello, va sempre riscritta.

Se per i collezionisti e gli antiquari di un tempo il termine reperto archeologico evocava un monumento, un vaso o un monile, oggi quel concetto corrisponde con tutto ciò che ci circonda, poiché tutto proviene dal passato, remoto o recente, come noi stessi, la nostra mentalità, i nostri modi fare. … continua a leggere  Il Mugello