di Veronica Fucci

L’opera del secolo decimottavo, com’è noto è appannaggio quasi esclusivo dei cantanti, vere star del palcoscenico ed in particolar modo dei castrati, “prodotto” nato per il divieto originario imposto alle donne di calcare il palcoscenico, poi diventato un vero e proprio fenomeno a se stante.

Ora, la volontà di avviare uno o più figli alla carriera di musico era eventualità tutt’altro che remota presso le famiglie poco abbienti dell’Italia del secolo diciottesimo. Decidendo in tal senso per il futuro del figlio, gli veniva così garantita da un lato la possibilità di istruirti ed intraprendere poi una rigogliosa carriera; d’altro canto, la famiglia stessa poteva “eliminare” una bocca da sfamare.

… continua a leggere Conti Gizziello nelle testimonianze del console inglese Horace Mann

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.