Tratto da: Salvina Pizzuoli “Quattro donne e una cucina” Storia e antiche ricette

Salvina Pizzuoli “Quattro donne e una cucina” (solo in ebook a questo link)

Ricette d’Autore

Storia e antiche ricette

Da quando ha avuto inizio questo progetto culinario mi ero ripromessa di fare una serie di ricerche che rispondessero ad alcune domande che mi ero posta girellando per la Rete, consultando libri di cucina o rivolgendomi direttamente alle tre abili cuciniere. Le domande riguardavano la storia dei ricettari. Mi ero chiesta infatti quando e perché qualcuno avesse sentito l’esigenza di scrivere o appuntare le fasi, gli ingredienti e quant’altro necessario.

La prima considerazione è che solo una società evoluta e ricca può concepire il cibo oltre la sola accezione di alimento con lo scopo di sfamare; tenderà pertanto a esaltare il gusto, a rendere la vivanda gradevole non solo al palato, ma anche agli occhi.    …    continua a leggere    Tratto da: Salvina Pizzuoli “Quattro donne e una cucina” Storia e antiche ricette

In giro per il Parco naturalistico-archeologico di Vulci

Lungo il Fiora, tra Maremma toscana e laziale

di Salvina Pizzuoli

Vulci, la Pianta del percorso nel Parco archeologico (clicca sull’immagine per ingrandire)

Il Parco naturalistico-archeologico di Vulci è un vero spettacolo per il visitatore e per i resti etrusco romani e per il paesaggio che li accoglie, disseminati a destra del Fiora, con la necropoli alla sinistra del fiume. Passeggeremo in questo ameno paesaggio, segnato dai sentieri tracciati e delimitati dagli steccati del Parco dai quali si affacciano paciose mucche bianche dalle ampie corna, e dove i resti dell’antica Vulci ci vengono incontro, antiche presenze in un ambiente naturale che pare immutato.

Abbiamo deciso di seguire il percorso più ampio, di circa quattro chilometri,    … continua a leggere   In giro per il Parco naturalistico-archeologico di Vulci

La torre degli Amidei

Torri e amori, delitti e potere a Firenze nel XIII secolo

di Salvina Pizzuoli  

La torre degli Amidei, particolare della facciata
La torre degli Amidei, particolare della facciata

In Por Santa Maria si fa notare per la sua altezza sopra le case e la fiera eleganza: è la torre degli Amidei, potente famiglia fiorentina i cui membri erano Capo di Ponte, come lo era la loro torre a difesa della città dalla parte dell’Arno e da una porta, Por Santa Maria, inglobata poi nella cerchia antica e da cui la strada aveva ripreso il nome. La torre oggi si presenta al visitatore elevata rispetto agli altri palazzi che la stringono e la fiancheggiano, ma sicuramente doveva essere più alta ai tempi della sua edificazione, ribassata per effetto delle “scapotizzature” che gli Ordinamenti di giustizia ispirati da Giano della Bella nella seconda metà del Duecento avevano imposto … continua

History of Tuscany