ovvero la Flaminia minor a Santa Lucia e a Bruscoli

Un altro tratto della Flamina minor
Un altro tratto della Flamina minor

Il percorso che proponiamo “è un assaggio” di uno più ampio, di circa 130 chilometri, molto gettonato da escursionisti italiani e stranieri, che attraverso i versanti dell’Appennino tosco-emiliano congiunge Bologna  e Firenze: è la famosa Via degli Dei che percorre in parte l’antico tracciato romano della Flaminia minor della quale rimangono evidenti vestigia sul monte Poggione nei pressi della località l’Apparita a Santa Lucia, nel comune di Firenzuola e sul Poggio Castelluccio al confine tra Toscana e Emilia.

Il nome mitologico è legato alle montagne che attraversa i cui nomi si richiamano ad antiche divinità come: Adone, Monzuno o monte di Giove, Venere, Luario o della dea Lua.

Cartelli indicatori della Via degli Dei
Cartelli indicatori della Via degli Dei

Percorrendo la Via degli Dei si “incontrano” vari pezzi dell’antica Flaminia minor, recentemente portati alla luce.

Dalla strada statale 65 in località l’Apparita (da non confondere con quella poco lontana nei pressi di Scarperia), contrassegnata con una scritta ben vedibile sulla parete esterna di una villetta, una strada sterrata a sinistra per chi viene da Firenze, conduce ai resti della via romana.

Monte Poggione un tratto della Flaminia minor
Monte Poggione un tratto della Flaminia minor

Costruita nel 187 a.C. per scopi militari congiungeva Bologna con Roma attraversando l’Appennino lungo la vetta della dorsale in modo quasi rettilineo: larga circa 2,40 m, gli otto piedi romani, era pavimentata con pietre arenarie poggiate sopra un sottofondo di “glarium”, pietrisco sempre di arenaria, dove il terreno non era abbastanza solido. Il pezzo di strada mostra in modo evidente la tecnica di costruzione: i bordi sono costituiti da pietre più grosse e di forma cuneiforme che, conficcandosi sul pietrisco sottostante, conferivano maggiore stabilità alla pavimentazione stradale complessiva.

La Flaminia minor
La Flaminia minor, ricordiamo che l’antica strada congiungeva Bologna con Fiesole.

Proseguendo per la strada statale 65 in direzione Passo della Futa si devia per Bruscoli: a circa 400 metri prima dell’abitato del paese, una strada a destra ci conduce a un altro pezzo della Via degli Dei e a incontrare ancora tratti della Flamina minor o militaris. Quando la strada diventa sterrata dirigersi verso l’agriturismo “Il passeggere”, luogo di sosta tra prati e boschi di faggio in un’amena valle dove non mancano gli allevamenti e gustare piatti locali a chilometri zero o semplici dolcetti tra i quali lo zuccherino di Bruscoli. Da lì l’escursione a piedi.

Scorci verdi
Scorci verdi
Paesaggio
Paesaggio dell’Appennino nei pressi di Bruscoli

Articoli correlati:

Sul monte Bastione: la strada romana lungo via degli Dei

L’antica via “Faventina” e la “Flaminia minor”

Badia di San Bartolomeo in Buonsollazzo

Un itinerario a piedi illustrato: da Buonsollazzo a Monte Senario

Da Tagliaferro a Buonsollazzo: un altro tratto della “Via degli Dei”