OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Uno stretto viale alberato con due filari di cipressi accoglie il visitatore che sale verso la sommità della collina dove sorge Torri. Il piccolo centro si apre con una porta ad arco che immette in uno slargo che si ricongiunge a se stesso per una stradicciola circolare che segna il percorso dell’antica cerchia muraria. In un primo momento non è facile individuare l’ubicazione della chiesa di Santa Mustiola che occupa con il suo lato meridionale il margine a destra di un corridoio al quale si accede da un una volta ad arco. È evidente che il borgo si sia sviluppato attorno alla sua abbazia. Sì, perché si trattava di un’abbazia che conserva oggi solo la chiesa e al suo interno uno splendido chiostro che, oltre alla sua pregevole composizione a tre ordini di logge, mantiene nel primo gli originali caratteri romanici.

Ci ragguaglia il Repetti nel suo Dizionario, correggendo se stesso circa la data della costruzione della chiesa:

Antica abbazia di monaci Vallombrosani, ora chiesa parrocchiale con annessa villa signorile a circa tre miglia a ostro di Sovicille […] Risiede in un rialto di collina, alla cui base passa il torrente Rosìa […] fu indicato l’anno 1189 come quello della sua fondazione […] Un istrumento per altro del 5 ottobre anno 1156 dimostra che la Badia di Torri esisteva da molti anni innanzi […] La chiesa di Santa Mustiola a Torri è di antica struttura rinchiusa nel pittoresco claustro del monastero con portico a colonne sottili senza base e con capitelli lavorati a figure, a uccelli e a fogliami. L’interno della chiesa con 5 altari ha l’aspetto di un’architettura semplice con tettoja a cavalletti”.

Torri Chiesa di Santa Mustiola, lato meridionale della chiesa
Torri Chiesa di Santa Mustiola, lato meridionale
Torri Chiesa di Santa Mustiola, lato meridionale della chiesa e l'ingresso al chiostro
Torri Chiesa di Santa Mustiola, lato meridionale della chiesa e l’ingresso al chiostro
Torri Chiesa di Santa Mustiola, lato meridionale della chiesa, particolare
Torri Chiesa di Santa Mustiola, lato meridionale della chiesa, particolare
Torri Chiesa di Santa Mustiola, lato meridionale della chiesa, particolare
Torri Chiesa di Santa Mustiola, lato meridionale della chiesa, particolare del portale
Torri Chiesa di Santa Mustiola, lato meridionale della chiesa
Torri Chiesa di Santa Mustiola, lato meridionale della chiesa, particolare dell’architrave

Il lato meridionale della chiesa presenta evidenti caratteri gotici essendo stata ristrutturata nel XIII secolo: l’elegante portale è coronato da un arco a sesto acuto e un architrave con una fitta decorazione e teste decorative. Conserva dei caratteri originali l’interno a unica navata, un altare maggiore in pietra e una tavola del senese Luca di Tommè raffigurante una singolare Madonna con il Bambino datata intorno alla prima metà del Trecento immagine

Accanto alla chiesa l’accesso al chiostro* del monastero: il colpo d’occhio è notevole.

Chiostro di Santa Mustiola a Torri uno scorcio
Chiostro di Santa Mustiola a Torri, uno scorcio

Si abbracciano con lo sguardo i tre ordini di logge di cui si compone e l’effetto è di gradevole meraviglia sia per lo stato di conservazione sia per la particolare struttura compositiva, ma è nella visione dei particolari che la suggestione si accresce.

Chiostro di Santa Mustiola a Torri uno scorcio dei tre ordini
Chiostro di Santa Mustiola a Torri uno scorcio dei tre ordini

Il primo ordine è di epoca romanica, intorno al 1189 si caratterizza per le 12 arcate per lato; la bicromia è ottenuta da un’alternanza di marmi prevalentemente bianchi e neri, questi ultimi “del poggio di Vallerano compreso nella Comunità di Murlo, e somigliante al Nero di Prato” (Repetti).

Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare del primo ordine
Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare del primo ordine

Bianche colonne in travertino, alcune finemente cesellate, di forma cilindrica o binate o ottagonali, sono sormontate da capitelli bianchi e neri a motivi vegetali che sorreggono bianchi pulvini a gruccia istoriati o decorati su cui si aprono le arcatelle policrome.

Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare di un pulvino con una scena biblica: la tentazione di Adamo e Eva
Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare di un pulvino con una scena biblica: la tentazione di Adamo e Eva
Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare di un pulvino con una scena biblica: Caino e Abele
Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare di un pulvino con una scena biblica: Caino e Abele
Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare del primo ordine, del basamento a lesene e della pavimentazione
Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare del primo ordine, del basamento a lesene  e della pavimentazione
Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare del primo ordine, del basamento a lesene e della pavimentazione
Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare del primo ordine, del basamento a lesene e della pavimentazione
Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare del primo ordine e dei motivi geometrici
Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare del primo ordine e dei motivi geometrici

Elegante il gioco geometrico del basamento a losanghe sulla pavimentazione a cotto del cortile e in alto quello della cornice su cui si colloca il secondo ordine.

Nel secondo ordine, edificato alla fine del XIV secolo, predomina il rosso del laterizio cui fa da cornice il bianco dei capitelli e della base delle colonne di foggia ottagonale. Una cornice aggettatante ne delimita il passaggio al terzo ordine di arcate del XV secolo caratterizzato da colonnine in legno dai capitelli lavorati.

Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare di una colonna e capitello del terzo ordine
Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare di una colonna e capitello del terzo ordine
Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare di una colonna e capitello del terzo ordine
Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare di una colonna e capitello del terzo ordine
Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare di una colonna finemente cesellata
Chiostro di Santa Mustiola a Torri particolare di una colonna finemente cesellata

Oggi proprietà privata è visibile solo i due giornate non festive, il lunedì e il venerdì dalle 9 alle 12

Articoli correlati: 

Nella Val di Merse: la rocca di Crevole e la pieve di Santa Cecilia

Nella val di Merse: San Lorenzo a Merse

Nella val di Merse: Ponte a Macereto e Tocchi

Nella val di Merse: la pieve a Ponte allo Spino

Murlo di Vescovato:un castello tra la val di Merse e dell’Ombrone senese

Ritorna a Galleria foto: nella Val di Merse