Da Pontassieve: Pitiana-Sant’Agata-Cascia-Pian di Sco’-Loro Ciuffenna-Gropina

 

IMG_1245
La torre campanaria originaria

La pieve di Pitiana: si raggiunge lungo la SR69 direzione S.Ellero Donnini Reggello tra oliveti e vigneti e l’Arno che segna in basso la valle

La Pieve originaria, intorno al 1028, ha subito vari rimaneggiamenti; rimane da ammirare  il bel campanile e il panorama che dal sagrato si stende tra dolci declivi e la valle dell’Arno. Conserva pale di Ridolfo del Ghirlandaio  ed è la prima che incontriamo lungo l’itinerario che segue un antico tracciato etrusco come lo stesso nome della pieve ricorda nell’etimo.

Il paesaggio dal sagrato
Il paesaggio dal sagrato

 

Olivi e vecchi cascinali
Olivi e vecchi cascinali

Ripresa la strada in direzione Reggello, giunti a Pietrapiana,  la seconda pieve romanica:

Sant'Agata in Arfoli
Sant’Agata in Arfoli

 

 

Sant’Agata in Arfoli, con la torre campanaria quadrangolare affiancata alla navata di sinistra. La strada provinciale, godibile sulle due ruote, si snoda lungo un gradevole paesaggio collinare.

 

 

 

 

Si raggiunge quindi Reggello e si devia verso la località Cascia che ospita in un’ampia

San Pietro a Cascia
San Pietro a Cascia

piazza la bella pieve di San Pietro dalla bella facciata e dai capitelli abbelliti da varie decorazioni. L’importante direttrice su cui sorge la pieve è quello della Cassia Vetus o Clodia, su un antico tracciato etrusco detto dei Sette ponti perchè ne attraversava altrettanti di antica costruzione, strada romana che collegava Arezzo con Fiesole e da cui arrivava e partiva una diramazione verso il Pratomagno e, attraverso il Valico di Reggello, collegava il Valdarno e il Casentino.

 

IMG_1249

IMG_1258
Santa Maria a Sco’

La prossima meta è Pian di Sco’ con la bella Santa Maria a Sco’

IMG_1259Si prosegue verso Loro Ciuffenna  e si incontra San Salvatore a Soffena.IMG_1270

 

 

Giunti a Loro  la deviazione prima del paese ci conduce a Gropina, la pieve che da sola merita il viaggio.

 

 

 

Esterno: L'abside dalle sottili colonne
Gropina: L’abside dalle sottili colonne

Si  raggiunge per una strada in salita, stretta e delimitata da boschi radi e campi.

Gropina: la bella pieve dalla facciata semplice e poderosa
Gropina: la bella pieve dalla facciata semplice e poderosa

 

 

 

 

 

 

 

Un nodo lega due delle colonnine dell'abside
Un nodo lega due delle colonnine dell’abside

 

Gropina: l'ambone
Gropina: l’ambone dove il nodo si ripete

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...