La fortezza delle Verrucole vista da San Romano
La fortezza delle Verrucole vista da San Romano

di Salvina Pizzuoli

 

 

La fortezza delle Verrucole si staglia nitida sullo sfondo del cielo e della valle che pare chiusa davanti agli occhi del viaggiatore con le sue mura merlate e il suo mastio, lì a pochi chilometri da San Romano in Garfagnana sulla riva sinistra del fiume Serchio: la rocca e il suo circuito di mura più in alto rispetto al borgo omonimo, un borgo munito perché in tempi lontani era porta d’ingresso alla Alta val di Serchio e quindi importante punto strategico di passaggio. La sua è una storia che risale al medioevo.

Fortezza delle Verrucole, il torrione
Fortezza delle Verrucole, il torrione

Si trova menzione di rocche munite, una tonda e una quadrata,  sin dal XIII secolo appartenute alla famiglia dei Gherardinghi, successivamente passate ai Fiorentini (1346) come conseguenza della guerra con i Lucchesi ma furono ristrutturate, avendo acquisito un ruolo importante a livello militare, durante  il dominio estense iniziato nel 1446: Ludovico Ariosto, nella sua veste di governatore della Garfagnana, nel 1524 comunicava al suo signore, il duca di Ferrara,  le cattive condizioni in cui versava la rocca che quarant’anni dopo, nel 1564, ad opera dell’architetto Pasi insieme ad altri castelli della zona, fu adattata alle esigenze di guerra del XVI secolo, mutate per l’introduzione di nuove macchine belliche assumendo la fisionomia odierna: fu abbattuta la rocca quadrangolare e furono costruiti i bastioni di alloggiamento per i cannoni, anche la  rocca tonda venne ampliata e ristrutturata.

Il toponimo che la caratterizza non è esclusivo di questa località, il termine lo ritroviamo infatti anche per altre fortezze come appunto  quella della Verrucola, una costruzione medievale che si trova a Fivizzano, in Lunigiana.

Deriva da “verruca” il cui etimo potrebbe essere di origine etrusca con il significato di sommità, cima scoscesa cui si lega l’idea dell’inaccessibilità; su “Ricerche istoriche sulla provincia della Garfagnana” del 1785, il compilatore propone l’origine dell’etimo col significato di vertice di monte alto e asperrimo, “mons verrucosus”.

Uno scorcio della valle sottostante
Uno scorcio della valle sottostante

Tale appare ancora oggi ai visitatori che, lasciato il proprio veicolo presso la chiesa di San Lorenzo, intravvedono lo stretto sentiero che per circa un chilometro s’inerpica sul fianco ovest della fortezza.

La porta di accesso
La porta di accesso

Lastricato con ciottoli di fiume il sentiero raggiunge la porta di accesso, superata la quale si accede a sinistra al torrione circolare, la parte di maggior rilievo visitabile e oggi arredato con armature, armi, utensili del periodo medioevale che una guida, in costume,  illustrerà insieme agli ambienti con dovizia di particolari storici e curiosi che sapranno rendere vivace e interessante l’escursione nel passato più antico del vecchio maniero.

 

 

 

Il sentiero di accesso alla porta
Il sentiero di accesso alla porta

La vista che si gode dal torrione corre dai prati che occupano lo spazio tra le muraglie, alle

La muraglia
La muraglia

due torri semicircolari lungo le mura, i camminamenti merlati e spazia poi sul paesaggio vallivo incuneato tra gli elevati e aguzzi monti che caratterizzano la catena  delle Alpi Apuane che circonda e avvolge il maniero, quasi un nido di rondine arroccato sulle alture prospicienti. E al di là il mare.

Il panorama della valle
Il panorama della valle dal torrione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...