W. Turner, Firenze da Fiesole, incisione del 1819 presso il British Museum
W. Turner, Firenze da Fiesole, incisione del 1819 presso il British Museum (Foto originale)

Nei versi tratti da Dei Sepolcri, il poeta celebra la bellezza della natura che circonda la città e ne esalta il ruolo civile visto che in Santa Croce conserva la memoria degli uomini che hanno reso illustre l’Italia. Il Carme nasce contro il decreto di Saint-Cloud emanato nel 1806 che, in nome dell’egualitarismo e delle norme igieniche, introduceva le sepolture anonime, senza distinzione di rango e di merito. Il poeta al contrario si sofferma a riflettere sul ruolo della poesia, dell’arte e della bellezza come veicolo della memoria e del ricordo che contrastano la forza distruttrice del tempo che altrimenti consumerebbe e trasferirebbe tutto quanto nell’oblio.

In apertura loda la dolcezza del paesaggio con i colli festanti per la vendemmia e le convalli popolate di case. Anche la luna si sente in dovere di vestire quei colli con i suoi limpidissimi raggi. Ma la città non è felice solo per questa sua impareggiabile posizione ma anche perché per prima aveva ascoltato il carme che allegrò l’ira al Ghibellin fuggiasco, riferendosi a Dante Alighieri come guelfo bianco, e più beata perché in un tempio accolte serbi l’itale glorie.

[…]

– Te beata, gridai, per le felici

aure pregne di vita, e pe’ lavacri

che da’ suoi gioghi a te versa Apennino!

Lieta dell’aer tuo veste la Luna

di luce limpidissima i tuoi colli

per vendemmia festanti, e le convalli

popolate di case e d’oliveti

mille di fiori al ciel mandano incensi:

e tu prima, Firenze, udivi il carme

che allegrò l’ira al Ghibellin fuggiasco,

e tu i cari parenti e l’idïoma

désti a quel dolce di Calliope labbro

che Amore in Grecia nudo e nudo in Roma

d’un velo candidissimo adornando,

rendea nel grembo a Venere Celeste;

ma più beata che in un tempio accolte

serbi l’itale glorie, uniche forse

da che le mal vietate Alpi e l’alterna

onnipotenza delle umane sorti

armi e sostanze t’invadeano ed are

e patria e, tranne la memoria, tutto.

[…]


Florence from San Miniato circa 1828 Joseph Mallord William Turner 1775-1851 -British Museum

L’immortale autore del libro Cuore (1886), Edmondo de Amicis, soggiornò a Firenze dove, giovane ufficiale piemontese, dal 1867 era stato incaricato di dirigere la rivista “L’Italia militare”. Ebbe così occasione di frequentare, nel periodo in cui Firenze fu capitale, i salotti della città, in particolare quello di Emilia Toscanelli Peruzzi, il cosiddetto “salotto rosso”, della moglie di Ubaldino Peruzzi, più volte sindaco; un salotto intellettuale e politicamente moderato contrapposto a quello più mondano di Marie Bonaparte Wyse, cugina di Napoleone III, l’eccentrica moglie di Urbano Rattazzi. La revisione dei Bozzetti militari, pubblicati nella rivista, stampati nel 1868 e poi in volume con il titolo La vita militare, fu opera di donna Emilia che aveva conquistato anche il cuore del giovane scrittore. Nel 1881 per Treves fu pubblicata la raccolta Poesie da cui sono tratti i versi seguenti. A distanza di svariati anni, il nostro, come Foscolo, esalta Firenze perché Piena di glorie sante/Cinta d’eterni allori/Culla immortal di Dante/.

Per saperne di più sul periodo di Firenze capitale e dei “salotti” si rimanda a “Fatti e fattacci al tempo di Firenze capitale” in ebook e in cartaceo

A Firenze

Arno gentil, fiorenti
Prati de le Cascine,
Leggiadre palazzine,
Superbi monumenti,

Bianche ville ridenti
Sparse per le colline,
Vezzose fiorentine
Dai musicali accenti,

Bella città dei fiori
Piena di glorie sante,
Cinta d’eterni allori;

Culla immortal di Dante
Che l’universo onori,
T’amo come un amante.


Giuseppe Zocchi, Barconi sull’Arno

Dino Campana, di Marradi (1885 – 1932), conosciuto come il poeta pazzo. Dedica pagine in prosa e in poesia alla città che sicuramente ha un posto speciale nel suo sentire tanto da ispirargli versi che, come sapienti pennellate, ne tratteggiano uno scorcio, quello che di Firenze più si ama, di acqua e di pietra.

Difficile riportare in poche righe la sfaccettata personalità di Campana che al contrario può essere colta nelle pagine di chi vi ha dedicato una ricerca decennale che ha trasposto in un romanzo-biografia non solo la conoscenza accurata ma soprattutto il lato umano. Per chi volesse approfondire Sebastiano Vassalli “La notte della cometa” (su tuttatoscanalibri.com una recensione e la presentazione dei Canti Orfici, opera da cui sono tratti i versi che seguono).

Firenze (Uffizii)

Entro dei ponti tuoi multicolori

L’Arno presago quietamente arena

E in riflessi tranquilli frange appena

Archi severi tra sfiorir di fiori

………………………………………………………

Azzurro l’arco dell’intercolonno

trema rigato tra i palazzi eccelsi:

Candide righe nell’azzurro: persi

Voli: su bianca gioventù in colonne.


Giuseppe Zocchi -Arno

Gabriele D’Annunzio (1863 – 1938), studiò presso il Reale Collegio “Cicognini” di Prato. Primo vere, da cui sono tratti i versi che seguono, è una raccolta di versi che risente dell’influsso della poetica di Carducci.

In una sera estiva ancora il felice connubio tra acqua e pietra. Dal 1894 al 1904 il poeta visse a Firenze, precisamente nella zona di Settignano, nella villa La Capponcina vicina alla villa La Porziuncola dell’attrice Eleonora Duse, suo nuovo amore.

Sera d’estate

Su‘l “Lungarno nuovo” a Firenze

Surge ne ‘l vespero bruno tra gli alberi

Fiorenza, e placida riguarda il limpido

fiume che si dilegua

ed i colli di Fiesole.

Sale ne ‘l perleo cielo e rifolgora

con raggio candido l’astro di Venere,

e li effluvî de’ fiori

per le fresc’aure volano.

Le case s’alzano bigie nell’aria

belle di splendide loggie marmoree:

lunghesso l’Arno in fila

i fanali scintillano

[…]

Articoli correlati:

Firenze nei pittori

Firenze settecentesca nelle “vedute” di Giuseppe Zocchi

Dante, la Commedia, Firenze e la Toscana